Parla a nome di Dio

Share This:

Parla a nome di Dio

Parla a nome di Dio.

 

Di  Makko Musagara

 

Parla a nome di Dio.

Caro lettore, non so se l’hai mai osservato. Mentre l’esercito egiziano si avvicinava agli israeliti sul Mar Rosso, gli israeliti erano così terrorizzati e gridavano al Signore. In risposta alle loro grida, Dio si stava preparando a rispondere direttamente con queste parole:

“Non avere paura. Rimani fermo e vedrai la liberazione che ti porto oggi. Gli egiziani che vedi oggi non li rivedrai mai più. Combatterò per te; devi solo stare fermo. ”

Mentre Dio si preparava a parlare, improvvisamente accadde qualcosa. Fu Mosè, invece di Dio, a dire ciò che Dio avrebbe dovuto dire! Ascolta cosa disse Mosè:

E Mosè disse al popolo: «Non abbiate paura, state fermi e vedrete la salvezza che il Signore compirà oggi per voi; infatti gli Egiziani che avete visti quest’oggi, non li rivedrete mai più. 14 Il Signore combatterà per voi e voi ve ne starete tranquilli».Esodo 14: 13-14.

David e Golia.

Quando Golia andò contro Davide con parole offensive e disprezzanti, Dio si stava preparando a rafforzare Davide con queste parole:

“Golia viene contro di te con spada, lancia e giavellotto, ma va ‘contro di lui nel mio nome, il Dio degli eserciti d’Israele, che ha sfidato. Oggi lo consegnerò nelle tue mani, e tu lo abbatterai e Tagliargli la testa. Oggi stesso darai i cadaveri dell’esercito filisteo agli uccelli e alle bestie selvatiche, e il mondo intero saprà che c’è un Dio in Israele. Tutti quelli riuniti qui sapranno che non è vicino spada o lancia che il Signore salva, perché la battaglia è mia, e io darò tutti i Filistei nelle mani degli Israeliti “.

Mentre Dio si preparava a parlare, improvvisamente accadde qualcosa. Fu Davide, invece di Dio, a dire ciò che Dio avrebbe dovuto dire! Ascolta cosa ha detto David:

Allora Davide rispose al Filisteo: «Tu vieni verso di me con la spada, con la lancia e con il giavellotto; ma io vengo verso di te nel nome del Signore degli eserciti, del Dio delle schiere d’Israele che tu hai insultate. 46 Oggi il Signore ti darà nelle mie mani e io ti abbatterò; ti taglierò la testa, e darò oggi stesso i cadaveri dell’esercito dei Filistei in pasto agli uccelli del cielo e alle bestie della terra; così tutta la terra riconoscerà che c’è un Dio in Israele, 47 e tutta questa moltitudine riconoscerà che il Signore non ha bisogno di spada né di lancia per salvare; poiché l’esito della battaglia dipende dal Signore ed egli vi darà nelle nostre mani».“. 1 Samuele 17: 45-47.

Inizia a parlare a nome di Dio.

Usando i due esempi sopra, invece di piangere a Dio, inizia a parlare di ciò che Dio avrebbe detto nelle diverse situazioni che devi affrontare. Ad esempio, se qualcuno sta litigando con te, non aspettare che Dio parli. Pronuncia invece queste parole:

“Il Signore è il mio rifugio e combatte le mie battaglie. Nessun male mi raggiungerà perché il mio Dio sta comandando ai suoi angeli riguardo a me di proteggerti in tutte le mie vie. Comanda ai suoi angeli riguardo a me di combattere contro di te. Ti sconfiggeranno e il mondo intero vedrà che c’è un Dio vivente che custodisce il suo popolo ” Salmo 91: 9-12

Spiana la strada a Gesù

 

Share This:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *